Le origini della festa del papà

La festa del papà ha origine nel secolo scorso, quando venne istituita per “bilanciare” quella della mamma.

Dal momento che San Giuseppe era stato nominato dalla Chiesa protettore dei padri di famiglia nelle nazioni di tradizione cattolica le due feste, quella del papà e quella di San Giuseppe vengono associate. In Italia, Spagna, Portogallo e Bolivia si celebra il 19 marzo. Nel Canton Ticino e altri cantoni della Svizzera così come in alcune province della Spagna è anche una festività del calendario civile. Fino al 1976 è stata una festività anche in Italia.

Caratteristici sono i falò che si accendono la sera precedente la festa. Essi hanno origine dalla tradizione di bruciare le sterpaglie rimaste nei campi al termine dell’inverno per poi dare inizio ad una nuova annata agricola.

Il alcune zone d’Italia in quel giorno si fanno pranzi con amici e parenti con il cece protagonista in tavola. Caratteristiche sono anche le zeppole, dolci senza lievito fritti o cotti al forno con la crema e il cioccolato.

In occasione della festa del papà i figli portano al padre un regalo e/o un biglietto di auguri.

In Russia si festeggia il 23 febbraio, in Germania in occasione dell’Ascensione (lì è definita anche festa degli uomini), in Francia, Nordamerica, Cina e India la terza domenica di giugno, in Brasile la seconda domenica d’agosto.

 

 

 

 

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti