Comincia il mondiale di Formula Uno 2019

Domenica 17 marzo in Australia si disputa la prima gara del mondiale di Formula Uno 2019. Nessuna novità sostanziale per quel che riguarda le scuderie rispetto al 2018, mentre alcuni trasferimenti hanno riguardato i piloti.

Ci soffermeremo sui più giovani e gli esordienti, meno conosciuti a differenza di quelli più affermati.

Fra i team di prima fascia solo la Mercedes ha confermato entrambi i piloti: il campione del mondo Lewis Hamilton, fresco del quinto titolo mondiale e Valtteri Bottas, che ad agosto compirà 30 anni.

La Ferrari ha confermato il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel. A lui è affiancato il giovane Charles Leclerc. Nato nel principato di Monaco nel 1997 ha corso nei kart fino al 2013, anno in cui arriva secondo nel mondiale dietro a Max Verstappen. Nel 2016 diventa pilota della Ferrari Driver Academy e collaudatore di Ferrari e Sauber. Nel 2018 esordisce in Formula Uno con l’Alfa-Sauber, piazzandosi spesso davanti al compagno di squadra e ottenendo 39 punti.

La Red Bull ripresenta Max Verstappen, 21 enne alla sua quinta stagione in Formula Uno, che cercherà di migliorare il quarto posto nella classifica generale dello scorso anno. Al suo fianco il ventitreenne Pierre Gasly, in formula uno dalla parte finale del 2017 con la Toro Rosso conquistando 29 punti.

La Renault ha ingaggiato Daniel Ricciardo, 29 enne ex Red Bull e Nico Hulkenberg, alla sua terza stagione con il team francese.

La Haas ha confermato entrambi i piloti: il francese Romain Grosjean, 32 anni, al suo quarto anno in scuderia e Kevin Magnussen, 26 anni alla sua terza stagione dopo un ottimo 2018 chiuso al nono posto.

Completamente rinnovati i piloti alla Mc Laren. La prima guida è Carlos Sainz, 24 enne figlio d’arte arrivato decimo l’anno scorso e l’esordiente Lando Norris. Ha 19 anni ed è diventato titolare dopo essere entrato nella scuola piloti nel 2017 e collaudatore nel 2018. In questi due anni ha corso rispettivamente in Formual 3 e in Formula 2.

Racing Point è il nuovo nome della Force India. Sarà guidata dal 29 enne Sergio Perez, ottavo l’anno scorso e alla sua sesta stagione e Lance Stroll figlio del proprietario della scuderia. Ha 20 anni ed ha disputato due campionati con la Williams.

L’Alfa Sauber può contare sull’ex ferrarista Kimi Raikkonen, 39 anni, alla sua diciannovesima stagione in formula uno. Viene da un terzo posto nella classifica mondiale. Con lui Antonio Giovinazzi, 25 enne pugliese, addetto al simulatore Ferrari dal 2017. In quell’anno corre due gran premi con la Sauber, con miglior piazzamento dodocesimo. Nel 2018 è collaudatore del team marchiato Alfa.

La Toro Rosso riporta in Formula Uno Daniil Kviat. 25 anni ad aprile ha esordito con la Toro Rosso nel 2014, corre con la Red Bull nel 2015 e le prime gare del 2016, sostituito da Max Verstappen torna alla scuderia di Faenza dove rimane fino a settembre 2017. Nel 2018 è collaudatore Ferrari. Con lui l’esordiente Alexander Albon, inglese di nascita e thailandese di passaporto. Nel 2016 corre in gp3, l’anno successivo in Formula 2 (ex GP2) dove conclude in campionato al terzo posto.

La Williams conta sul ritorno di Robert Kubika. Il 34 enne polacco torna in Formula Uno dopo l’incidente del 2011 che gli causò seri problemi ad un braccio. Per lui quattro anni in Sauber dal 2006 al 2009 e il successivo passaggio in Renault. Con lui il ventunenne George Russell, debuttante in Formula Uno. Ha vinto il mondiale di Formula Due nel 2018 e quello GP3 nel 2017.

Vai alla barra degli strumenti