Il nostro addio ad Alberto Bucci

Si è spento uno dei personaggi più rappresentativi della pallacanestro italiana: Alberto Bucci.

Nato a Bologna il 25 aprile 1948 diventa capo allenatore a 25 anni, subentrando sulla panchina della Fortitudo Bologna nell’ultima parte di campionato. Per lui 2 vittorie e 5 sconfitte con retrocessione agli spareggi, a cui seguì il ripescaggio.

Dal 1974 al 1979 allena a Rimini partendo dalla serie D fino alla salvezza in A2, che ha rappresentato il massimo fino a quel momento per la squadra romagnola.

Viene poi ingaggiato da Fabriano dove resta quattro campionati: al terzo ottiene la promozione in A1 ottenendo la salvezza in quello successivo.

Questi risultati attirano l’attenzione della Virtus Bologna con cui al primo anno vince la coppa Italia e lo scudetto, il decimo della squadra emiliana che vale la stella sulle canotte. L’anno successivo arrivò il settimo posto che non è valsa la conferma per la stagione successiva.

Nel 1985 viene ingaggiato dalla Libertas Livorno in A2: in quattro anni ottiene la promozione nella massima serie ed arriva ad un passo dallo scudetto con un canestro annullato alla sua squadra perchè arrivato di pochissimo oltre la sirena.

Anche qui niente conferma e ripartenza dall’A2, a Verona, dove rimane fino al 1991 vincendo la coppa Italia e ottenendo la promozione in A1.

Seguono due anni a Pesaro dove arriva alla finale scudetto e vince una coppa Italia.

Nel 1993 torna alla Virtus Bologna in sostituzione di Ettore Messina che assume la guida della nazionale. Resta fino al 1997 quando venne esonerato in favore di Roberto Brunamonti. In quattro anni vince comunque due scudetti e una supercoppa italiana (la coppa Italia del 97 arriva con l’ex play in panchina).

Nel 1999 torna a Fabriano, che salva due volte in A2.

Diventa poi commentatore delle partite di basket trasmesse in Rai, suo il motto “Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che è basket.

Fra il 2008 e il 2009 allena le nazionali over maschili e femminili, ottenendo tre trofei.

Dal 2009 al 2011 è stato presidente dei Crabs Rimini, prima che problemi di salute lo costringessero alle dimissioni.

Ripresosi dal 2016 a marzo 2019 è stato presidente della Virtus Bologna.

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti