Home / ANDROID / Autovelox su Google Maps per Android

Autovelox su Google Maps per Android

In questi anni stiamo vedendo come sia difficile creare un buon navigatore per i dispositivi mobili, sia che essi siano iOS, Android o Windows Phone. Tanti, infatti, si sono succeduti, creati anche da case produttrici che hanno il predominio in questo settore (come TomTom o Sygic), ma senza ottenere risultati soddisfacenti. Uno dei migliori, probabilmente, si sta rivelando essere quello che era partito maggiormente in sordina e che è gratuito: Google Maps. Manca solo forse un autovelox su Google Maps?

Come installare autovelox su Google Maps?

Non è disponibile alcuna opzione all’interno dell’applicazione di Maps, sia essa per iOS o per Android: ci serviremo dunque di un’applicazione, anzi due, che si basano sui dati di OpenStreetMaps per fornire dati sui limiti di velocità direttamente nelle mappe di Google: stiamo parlando di VelociRaptor. Affiancheremo a questa applicazione Radardroid: questo tool, mediante anche le segnalazioni di altri utenti, può mostrare la presenza di autovelox sul nostro percorso.

I passaggi che vi enumero sono validi soltanto per dispositivi Android.

1° passo per autovelox su Google Maps: Velociraptor

Innanzitutto faremo riferimento alla prima applicazione, Velociraptor, che ci terrà informati sulla velocità da sostenere nel tratto che stiamo percorrendo.

  1. Rechiamoci sul Google Play Store e scarichiamo Velociraptor Map Speed Limit
  2. Avviata l’applicazione dovremo impostare il limite di velocità e l’unità di misura per la distanza (quindi Km)
  3. Andiamo nella sezione Attivazione e premiamo su Abilita.
  4. Comparirà la finestra Accessibilità di Android
  5. Procediamo verso Servizi e clicchiamo su Velociraptor
  6. Scegliamo Internazionale come Stile nella sezione Generali
  7. Andiamo in basso e clicchiamo su Tocca per verificare che la tua area sia coperta.
  8. Se la suddetta area risulta coperta, si aprirà una finestra con la mappa della nostra zona geografica.

2° passo per autovelox su Google Maps: Radardroid 

Il secondo fondamentale passaggio risiede nell’utilizzo di un’altra applicazione, come detto in precedenza, precisamente Radardroid, di cui vi sono due versioni: una Lite ed un’altra Pro. Noi abbiamo utilizzato Radardroid Lite per la prova. Tale applicazione ci sarà molto utile per rivelare in tempo reale gli autovelox che possiamo incontrare.

  1. Scarichiamo ed installiamo dal Google Play Store l’applicazione Radardoid Lite
  2. Avviamo l’app e premiamo Consenti alle richieste di accesso al GPS (necessario per rilevare la nostra posizione) e alla memoria interna del device Android (per salvare il database degli autovelox).
  3. Clicchiamo su Accettare e proseguiamo
  4. Andiamo nelle Impostazioni dell’app.
  5. Su Profilo verifichiamo che la Lingua, la sintesi vocale (Voce) e l’Unità di misura siano quelle corrette.
  6. Nella sezione DB Autovelox tappiamo su Installa Autovelox per scaricare l’elenco aggiornato: non è necessaria alcuna connessione particolare
  7. Dal Menù in alto a sinistra scegliamo la voce Mappa
  8. Sarà attivato automaticamente, nel caso in cui non lo fosse già, il GPS del nostro smartphone.
  9. Clicchiamo ora su Configura nella voce Mostra in queste app nella sezione Attivazione (in modo da far funzionare l’applicazione anche in background ed avere quindi l’autovelox su Google Maps)
  10. Se avviamo ora Google Maps, digitando un qualunque percorso, vedremo, nella parte in alto a sinistra dell’applicazione che vi sono due nuove icone: una indica il limite di velocità e la seconda rappresenta la velocità con cui stiamo percorrendo la strada.

Speriamo che, quanto prima, Google implementi un autovelox su Google Maps: per ora facciamo affidamento a questa guida per non rischiare di ricevere spiacevoli sorprese una volta tornati dalle vacanze.

About Gaetano Aran

Ideatore ed amministratore del sito. Appassionato di tecnologia, in particolare di Android e di tutti i sistemi personalizzabili.