Home / HI TECH / TV: guida alla scelta del vostro modello ideale

TV: guida alla scelta del vostro modello ideale

In molti mi chiedono spesso consigli sull’acquisto del nuovo TV da mettere in salotto in bella mostra, in cucina sempre in funzione oppure in camera quando, a letto, vorrete godervi qualche film o altro prima di concedervi al sonno. Ho deciso, così, di raggruppare tutte le nozioni in voga al momento in questa guida alla scelta del vostro modello ideale.

Partiamo dalla forma: PIATTO o CURVO?

Di base, ovviamente, c’è la scelta estetica. Dopo anni di calma piatta, appunto, il mercato ha deciso di investire sulla nuova moda dello schermo curvo che, senza dubbio, rende la vostra televisione non più un semplice (e a volte anche brutto) quadro scuro ma un vero e proprio oggetto di design. Ma ne vale la pensa? Come ogni cosa, la scelta è soggettiva.

Parlando oggettivamente, per entrambe le scelte ci sono dei pro e dei contro.

Per quanto riguarda i “vecchi” schermi piatti la prima cosa da dire è che, non trattandosi della moda del momento, certamente costano meno di un curvo, al pari di caratteristiche, e sono più adatti al posizionamento a parete, salvo per chi abita in trulli o igloo. Per quanto riguarda l’esperienza visiva offrono una visione bene o male uguale sia a chi gli sta di fronte sia a chi è leggermente defilato. Sono ideali quindi se siete soliti vedere la tv in compagnia e, magari, lontano da finestre o altri punti di luce. La superfice di riflesso di uno schermo piatto, infatti, è maggiore di quella di uno schermo curvo di pari dimensioni, quindi vedrete, se siete di lato rispetto allo schermo, vedrete più riflessi sul piatto che non sul curvo.

instantexpertsamsungcurvedtv_img4_250414

Detto questo, infatti, è matematicamente dimostrato che uno schermo curvo offre una migliore esperienza visiva allo spettatore frontale, che vivrà lo spettacolo da un punto di vista più immersivo e coinvolgente sfruttando a pieno il proprio cono visivo. Se però chi sta al centro godrà di tutto ciò, lo stesso non si può dire per chi vi è accanto. Come ho già detto prima, lo schermo piatto offre si un’esperienza meno coinvolgente ma questa, però, sarà uguale sia per te che sei in posizione centrale sia per chi ti sta vicino. Vedendo di lato uno schermo curvo, si avrà la sensazione di una prospettiva alterata, con soggetti più grandi sul lato vicino e più piccoli sul lato lontano. Ma tenete conto che sto parlando di alterazioni quasi impercettibili.

instantexpertsamsungcurvedtv_img3_250414Quindi i fattori da tenere in conto sono tanti ma si possono ridurre a due davvero essenziali: prezzo che vede vincitori i piatti ed estetica che, secondo la moda del momento, potrebbe vedere i curvi come i vincitori.

Risoluzione: HD, FullHD, UltraHD

Se state acquistando un nuovo TV e, magari, sarà la vostra prima esperienza nel mondo dell’alta definizione, sappiate che non basterà leggere l’etichetta HD sullo scatolo per essere sicuri di prendere quello più nitido. Esistono infatti 3 principali risoluzioni:

  • HD – Se trovate solo questa etichetta molto probabilmente si tratterà di un HDReady, ovvero un TV che è predisposto all’HD ma nel suo formato più piccolo (1280×720 pixel). Tale risoluzione vi farà già notare la differenza con i vecchi tubi catodici ma non arrichirà la scena con lo stesso numero di dettagli che notereste in un FHD o, ancora meglio, in un UHD. Spesso sono i TV non più grandi di 32 pollici ad essere dotati di HD.
  • FHD – La maggior parte dei TV attuali, soprattutto nella fascia dei 32 pollici a salire, sono dotati di FullHD (1920×1080). Il FullHD è l’HD vero e proprio che potrete godere con i canali HD del digitale terrestre o delle TV a pagamento (Premium o Sky), con le console di gioco e con i vostri lettori bluray. È, senza dubbio, il formato di alta definizione più diffuso al momento, fintanto che non prenderà piede l’UltraHD ma, vista l’avanzata del fratello maggiore, non fatevi ingannare dai volantini che ve lo vendono come una caratteristica prorompente.
  • UHD – Non ancora radicato nella scena quotidiana, ancora poco supportato dai più comuni dispositivi che connettiamo al TV e ancora in fase sperimentale per quanto riguarda la trasmissione via etere (Premium ha appena regalato la prima esperienza con la finale di Champions di Milano e Sky ha fatto promesse per il 2017) troviamo la più coinvolgente delle risoluzione disponibili al momento, l’UltraHD. Con i suoi 3842×2160 pixel può regalare un’esperienza davvero unica, ricca di dettagli e di colori vivi, addirittura 4 volte superiore al FullHD. Da notare, però, che tale esperienza richiede anche delle dimensioni appropiate: per notare i piccoli dettagli, si consiglia di stare sopra i 43 pollici, altrimenti il FullHD è più che sufficiente.

hd_uhd_4k_vergleich

Tirando le somme si può dire che, salvo per i piccoli schermi (28 in giù), la scelta migliore al momento, se non si è già dotati di dispositivi e contenuti in 4k (UHD), è il FullHD. Ma se il prezzo non è fattore determinante, sappiate che, una volta scelte dimensioni e forma, a parità di caratteristiche, con circa 200€ in più io consiglio sempre di investire sulla risoluzione dei prossimi anni, il 4K, visto che comunque le console promettono pieno supporto, Premium e Sky sembrano intenzionate a sfruttarlo a breve e già parecchi sono i BluRay che la usano.

Decoder: DVB-T, DVB-S, CI, CI+

Uno dei motivi che potrebbe spingere le persone comprare una nuova TV è forse quello di sostituire una senza digitale terrestre integrado, eliminando così il fastidioso decoder aggiuntivo che ci hanno imposto qualche anno fa. Sappiate che le ultime TV non si limitano a decodificare solo il segnale del digitale terrestre ma molte hanno anche decoder aggiuntivi.

  • DVB-T è il decoder principale, cioè quello che serve per vedere i canali una volta liberi e adesso disponibile con il digitale terrestre. A questo vanno aggiunti anche i canali a pagamento offerti dall’abbonamento a Mediaset Premium (diponibile dal canale 300 in poi) qualora foste abbonati, ma per quelli avrete bisogno della CAM (CI o CI+). Da notare che un nuovo standard dovrebbe prendere piede nel breve futuro, il DVB-T2. Notate che, se non siete i tipi che ogni paio di anni rinnovano la TV, adesso che state facendo questo passo non sarebbe male investire già in quest’ultimo avanzamento tecnologico
  • CI ( e CI+). Siete abbonati Mediaset Premium? Perchè avere un decoder aggiuntivo quando la vostra televisione potrebbe bastare. Cercate i modelli che sono compatibili con lo standard Common Interface e potrete inserire la vostra scheda direttamente nel TV, utilizzando un solo telecomando sia per accedere ai canali gratutiti che quelli offerti dal vostro abbonamento. Meglio ancora se la TV è compativile con lo standard CI+, così potrete godere anche dell’alta definizione e della nuovissima SmarCAM offerta da Premium.
  • Il DVB-S non è altro che un decoder satellitare. Potrebbe risultare inutile se abitate in un luogo ampiamento coperto dal digitale terrestre oppure se dal satelittare sfruttate solo i canali Sky (ma per quello necessitate del decoder proprietario). Ma non è da sottovalutare qualora il segnale del digitale terreste vi arrivasse debole: Con questo, e magari in abbinamento ad una scheda TvSat, potrete vedere le trasmissioni satelittare comodamente dalla vastra TV.

Servizi: 3D, SmarTV, DLNA, Screen Mirroring

Diciamo la verità, ormai con la televisione non si guarda più solo la televisione! Parecchie sono le funzionalità che vengono offerte a corredo con un modello di TV, le quali fanno lievitare o meno il prezzo.

Quella che più vi sarà familiare è senza dubbio il 3D, che non ha bisogno di molte spiegazioni. Siete fanatici della tecnologia? Dovete averle tutte? Allora, in tal caso, investirete senza dubbio anche nel 3D. Altrimenti, se siete alla ricerca di un prodotto dal rapporto qualità/prezzo vantaggioso, vi sconsiglio assolutamente questa tecnlogia. Inutile, faticosa per gli occhi a lungo andare e molto poco diffusa e supportata. Abbandonata, ormai, anche dalle stesse case di produzione, il 3D è quella cosa che compri, la usi una volta, la mostri ad amici e parenti e poi resta per sempre accantonata. Anche perchè, salvo qualche programmino su Sky3D (canale che richiede un plus sull’abbonamento) o qualche BlueRay che avete a casa, non troverete nulla in 3D in TV.

Nell’era delle app e dei servizi ondemand, invece, una funzionalità irrinunciabile è il lato smart delle moderne TV. Siete abbonati Premium? Allora avete senza dubbio anche Premium Play nel vostro abbonamento. Avete Telecom e vi è stato proposto TimVision? Se avete accettato, avete a disposizione un ampio catalogo multimediale. Eravate curiosi riguardo l’arrivo di NetFlix in Italia e l’avete provato? Avrete notate l’immensa rete di dispositivi che lo supportano. Tutti questi servizi sono stupendi ma, senza una SmartTV, avete per forza bisogno di un decoder aggiuntivo da piazzare sotto la vostra TV, aumentando il groviglio di fili e polvere che vive prennemente nei nostri mobili multimediali. Con una SmarTv avrete tutti questi servizi integrati nella vostra TV, a servizio di ciò che il vostro telecomando gli comanda. Senza contare la comodità di avere un Browser in salotto, per quante volte lo userete, o YouTube.

Il DLNA, invece, è la tecnolgia che riproduce il catalogo multimediale servito da un server, come il vostro computer o smartphone, sulla TV senza utilizzare ulteriori cavi. Basterà collegare la TV alla rete domestica e il gioco e fatto: foto, video e musica che avete sul server può essere riprodotto sulla TV.

Screen Mirroring è forse il termine che state notando ultimamente sui vostri smartphone o tablet di ultima generazione. C’è chi lo chiama in vari modi ma di base è la possibilità di proiettare lo schermo del vostro device su quello della TV, utilizzando la rete di casa o addirittura il Wifi-Direct sulla televisioni di ultima generazione. Un video dimostrativo:

Tenete presente che se la TV che avete scelto è una SmartTV allora, molto probabilmente, avrà anche il supporto al DLNA e, se è proprio recentissima, anche quello allo ScreenMirroring.

Domande? Non esitate a scivermi qui sotto!

About notonlyhitech2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.