Home / ANDROID / NOma: app per ricordare luoghi e storie di mafia

NOma: app per ricordare luoghi e storie di mafia

Le applicazioni non rappresentano soltanto delle utilità per effettuare diverse operazioni e non si limitano a farci avere un contatto con tutto l’etere; a volte ci danno anche la possibilità di ripercorrere il nostro passato e le storie che ci hanno formato e che, ancora oggi, sono intrise nel nostro presente. Vogliamo farvi una piccola recensione, se così si può chiamare, di Noma, l’applicazione, presentata il mese scorso e sviluppata dall’applicazione Sulle nostre gambe.

E’ proprio dall’associazione che vogliamo partire: Sulle nostre gambe. Cosa è e chi c’è dietro questo nome? Facciamo riferimento alla storia tratta dal loro sito, che è ancora in fase di costruzione:

L’associazione Sulle nostre gambe nasce nel 2014 dall’incontro di 4 appassionati sostenitori dell’educazione alla legalità che decidono di unirsi mossi, soprattutto, dal desiderio di lavorare insieme al progetto del museo interattivo/laboratorio NOmafia prossimamente a Palermo.

I fondatori dell’associazione sono Pierfrancesco Diliberto, in arte PIF, che ormai da anni fra inchieste, trasmissioni e produzioni cinematografiche affronta i temi del fenomeno mafioso con un candore ed una schiettezza che sono appunto tra i principi fondanti dell’associazione, quindi Emanuela Giuliano, figlia del capo della Squadra Mobile di Palermo Giorgio Boris Giuliano, straordinario poliziotto ucciso vilmente dalla mafia, Roberta Iannì, figlia dell’imprenditore alberghiero Carmelo Iannì, ucciso anche lui da mano mafiosa per il coraggioso contributo dato alle forze dell’ordine e Tiziano di Cara, architetto creativo palermitano da anni impegnato in progetti culturali, nonchè ideatore della stessa app NOma.

Il tutto, quindi, è mosso da persone che hanno vissuto in prima persona i luoghi e le storie che sono stati teatri di accadimenti, purtroppo, non positivi e che hanno ucciso molte persone: ricordiamo Falcone e Borsellino, o altri protagonisti di Cosa Nostra. L’applicazione, quindi, può essere vista come un percorso multimediale, attraverso cui ripercorrere, nel vero senso della parola, le strade degli eventi: il tutto narrato da personaggi famosi ed illustri della città di Palermo, ma non solo.

Le storie sono, per ora, in quanto l’applicazione è solo all’inizio del suo sviluppo e sarà sicuramente ampliata con altre storie, di: Antonino Agostino, Filadelfo Aparo, Paolo Borsellino, Ninni Cassarà, Rocco Chinnici, Gaetano Costa, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Mauro De Mauro, Giovanni Falcone, Mario Francese, Peppino mpastato, Paolo Giaccone, Giorgio Boris Giuliano, Libero Grassi, Carmelo Iannì, Pio La Torre, Piersanti Mattarella, Beppe Montana, Giuseppe Puglisi, Pietro Scaglione, Cesare Terranova, Calogero ZucchettoLe voci, quindi, sono quelle di: Pippo Baudo, Paolo Briguglia, Ficarra&Picone, Donatella Finocchiaro, Giuseppe Fiorello, Nino Frassica, Leo Gullotta, Luigi Lo Cascio, Teresa Mannino, Isabella Ragonese, Francesco Scianna, Giuseppe Tornatore. Oltre, ovviamente, alla straordinaria voce di Pif.

La Home dell’applicazione Noma si presenta divisa in tre sezioni: Le storie, Il Progetto, Pizzo-Free.

noma home

Vediamo Le Storie: vi sono sia quelle già disponibili, che le altre ancora non sono state completate e che saranno pronte a breve.

 

IL PROGETTO racchiude l’intenzionalità di questa applicazione e dell’associazione di cui vi abbiamo parlato in precedenza.

progetto noma

In PIZZO-FREE vi è la possibilità di accedere alle realtà che a Palermo hanno deciso di aderire a Addio Pizzo, un movimento che agisce dal basso nato su iniziativa di un gruppo di giovani che hanno scelto di combattere la mafia promuovendo un sistema di economia virtuosa e libera dalla mafia attraverso lo strumento del “consumo critico”.

pizzo-free noma

 

L’applicazione NOma può essere scaricata nei tre maggiori sistemi operativi presenti sugli smartphone: Android, iOS e Windows Phone.

Vi lasciamo ora al video di lancio dell’iniziativa, realizzato da Ficarra e Picone.

About notonlyhitech2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WebShake – tecnologia