Home / HI TECH / Le domande segrete: sono segrete?

Le domande segrete: sono segrete?

Avete presente quelle domande segrete che vi escono in fase di registrazione e che sono tipo “Qual è il cognome di tua madre? Nome del tuo animale domestico? Nome del migliore amico d’infanzia?”. Potremmo continuare molto a lungo con gli esempi, ma ve li risparmiamo. Immagino che tutti le abbiate presenti. Bene, sappiate che non sono così sicure come ci fanno credere.

Secondo una ricerca portata avanti da alcuni ricercatori e finita negli studi di Google, questa tecnica conterrebbe anche delle vulnerabilità. I ricercatori hanno lavorato proprio sulle domande-risposte utilizzate da vari servizi offerti da Google ed hanno evidenziato che le risposte semplici non sono poi così sicure.

I risultati di questa ricerca sono racchiusi qui (vi consigliamo di leggere questo abstract) e sono state presentati al WWE (World Wide Web) che si è tenuto a Firenze tra il 18 e 22 Maggio 2015. I ricercatori ci sottolineano come siano sconsigliate le risposte semplici, allo stesso tempo, però, le domande difficili sono sconsigliate perchè potrebbero non essere ricordate.

Come comportarsi quindi? Il consiglio di Google, e dei suoi ricercatori, va non tanto a noi utenti usuali del web, quanto agli sviluppatori di siti web, applicazioni, piattaforme, etc.. e indica una strada da seguire: utilizzare altri metodi, come la conferma via SMS, token di terze parti o simili. Tutto ciò va fatto per un obiettivo fondamentale: la sicurezza dei consumatori del web, che crescono di giorno in giorno.

E voi cosa ne pensate? Fateci sapere.

About notonlyhitech2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WebShake – tecnologia