Home / ANDROID / Greenify : il tesoro di ogni smartphone

Greenify : il tesoro di ogni smartphone

Oggi toccheremo un tasto fondamentale per ogni smartphone android: il risparmio della batteria! Chi di voi non ha mai scaricato un’app per risparmiare batteria? Ne avete provate milioni e milioni senza alcun risultato?Sembra una caccia al tesoro ,degno del miglior film di Johnny Depp? Noi abbiamo il tesoro! Si chiama Greenify! Prima di continuare a leggere l’articolo andate sul vostro smartphone Android e procedete con l’eliminazione completa(cancella dati+disinstalla) di ogni app che dovrebbe farvi risparmiare batteria.

Quale caratteristica ha Greenify?Cosa lo rende unico? Innanzitutto la sua funzionalità principale , quella che serve ,è ibernare le app che lavorano in background senza che l’utente se ne rendi conto. Capite l’importanza vero? Tutte quelle app che lavorano anche quando non ci servono in quell’istante possono essere congelate in un sol colpo! Mitico! Le app ritorneranno al loro stato naturale quando le avviamo!

Come si usa Greenify? Una volta aperta l’app ci basterà premere il pulsante ‘+’ in alto a destra per selezionare le app da congelare divise in base al devasto che apportano sul sistema (in esecuzione, avvio programmato e rallentamento dispositivo) ed il freezer è in funzione! Potremmo ibernare immediatamente le app selezionate premendo ‘zzz’, la voce Iberna ora dal menu ,usando il suo widget oppure lasciare che sia Greenify a gestire la situazione per noi.

Ma quali app bisogna ibernare?Quelle che vi rompono con le loro notifiche! Scherzo, noi utenti Android siamo professionali e per questo useremo una nuova app chiamata Better Battery Stats, che ci darà un resoconto di tutte quelle app che incidono in modo altamente negativo sulla batteria del nostro device.

Ma allora corro subito a scaricarlo dal playstore! Un momento ! Greenify può essere suddiviso in tre sezioni:

1- No-Root: Consente le funzioni base, più che soddisfacenti, compresa l’ibernazione automatica delle applicazioni a schermo spento (a patto di avere Android 4.1+)

2-Root:  In questa sezione l’ibernazione automatica delle app non ha bisogno dei precedenti “compromessi”, ma richiede soltanto i permessi di root.

3-UltimateGreenify: Volete spingere il vostro Greenify al massimo? I requisiti sono Root e Xposed Framework con il modulo Greenify!

Bisogna comunque dire che Greenify presenta anche una Donation Package, che permette lo sblocco di innumerevoli funzioni aggiuntive quali greenifyzzazione di app di sistema,ricezione di notifiche anche se l’app è ibernata,Wake-up Tracker,riconoscitore di app che provano a sorvolare il controllo di greenify e dell’uso della Boost Mode facente parte della sezione UltimateGreenify!

Ma Greenify presenta solo punti a suo favore? Nessun difetto? Ebbene si! Il suo più grande difetto è quello di non poter ibernare alcune persone 😉

Non vi resta che provare! I guadagni sulla durata della batteria variano ovviamente dall’uso e dalla configurazione di Greenify! Per qualsiasi cosa non esitate a contattarci e Greenifyzzate tutto, anche questo articolo!

News: Android M presenta una funzione di sistema molto simile a Greenify chiamata App Standby.

About notonlyhitech2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WebShake – tecnologia